box google adsense orizzonatale

martedì 5 novembre 2013

Della festa di halloween

Trasparelena non ama la festa di Halloween. 
Tuttavia, siccome molto se ne è parlato e troppo si è detto, Trasparelena vuole dire anche la sua.

La BambinaGrande frequenta una scuola _pubblica_ dove viene fatto un progetto sperimentale di inglese. 
Alcune materie scolastiche vengono fatte in inglese già dalla prima elementare. 
In aggiunta viene fatta letteratura inglese. Letteratura inglese per la seconda elementare, ovvero personaggi come il Gruffalo, o anche Halloween.

Quindi per Trasparelena quest anno è stato impossibile ignorare Halloween. E si è fatta delle domande

Cosa ha capito la BambinaGrande di Halloween? 
Come la vive questa ricorrenza?

Trasparelena si è resa conto che Halloween è un po' come il primo maggio, ovvero una festa laica. 

Per la BambinaGrande è significato andare a una festa a scuola, dove ha ascoltato una signora vestita da strega che leggeva un racconto di paura insieme alle sue amiche. E poi mangiare da MacDonald's con i Traspagenitori, l'amichetta A1 e la sua famiglia.
E' anche significato preparare un sacchetto di caramelle da dare ai bambini che hanno suonato il campanello. E ammirare le loro maschere.
Insomma un po' come carnevale. Caramelle e scherzi e divertimento.

E basta.

Tutti i significati esoterici che hanno voluto infilare in questa cosa lei non li ha colti.
E noi non glieli abbiamo spiegati. Niente zombie, e i fantasmi sono come le streghe o i puffi. Sono personaggi di fantasia. Non fanno nemmeno troppa paura, anzi sono pure simpatici.

Trasparelena vorrebbe dire tutto questo al suo Parroco, che per ben due omelie si è scaldato molto su questo tema, dicendo, a ragione, che è una festa pagana.

Caro Parroco, non possiamo ignorare una cosa di cui la scuola parla così tanto. Possiamo spiegarla come pensiamo sia giusto che i nostri figli la interpretino, ma non possiamo combatterla, o otterremmo l'effetto contrario. 
Quindi Trasparelena ha deciso di spiegarla come sopra. Come una festa laica, come il primo maggio, per dire. Un po' come la festa della fantasia.

E comunque non ha vestito la BambinaGrande da strega. E non ha intagliato la zucca. Perchè la zucca si mangia, mica si spreca per farne una lanterna, anche se avrebbe giustificato la lanterna con il cambio dell'ora.



4 commenti:

  1. Commento qui il libro che stai leggendo: io l'ho appena riletto per la seconda volta! E mi è piaciuto di nuovo un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono orfana di Maigret, perchè ho letto tutte le inchieste e tutti i racconti (meno un libro di racconti, che ho appena scoperto esistere) e devo dire che è un'alternativa abbastanza valida!

      Elimina
  2. Sì è vero Halloween o meglio Samhain è una festa pagana, a tutti gli effetti! ed è giusto che ognuno festeggi le sue festività come meglio crede.....l'importante è avere sempre il rispetto per il vissuto e la cultura degli altri....noi abbiamo spiegato a Tommy il significato della festa (con parole molto semplici)che poi non c'è tanta differenza tra il significato cristiano e quello pagano....si festeggiano sempre gli antenati, le persone che non ci sono più.....abbiamo scavato la zucca e preparato insieme decorazioni divertenti....acceso candele....
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, il significato "vero" è molto simile. Il mio parroco da un certo punto di vista ha ragione, perchè di fatto anche Halloween come Natale è stata molto snaturata dal consumismo. Però, come per tutte le cose, molto conta il significato che si vuole dare, alle cose. Il peso che gli si attribuisce insomma....

      Elimina

L'educazione è molto apprezzata