box google adsense orizzonatale

giovedì 3 ottobre 2013

Frustrazioni

Trasparelena di mestiere fa l'informatico. L'impiegata informatica.
Trasparelena fa l'impiegata full-time.
Full-time vuol dire 8 ore di lavoro più 1 ora di pausa pranzo più 20+20 minuti per il tragitto.
Full-time vuol dire che si esce di casa alle 8 e ci si ritorna alle 18.30
Full-time vuol dire che se il Taspasuocero _santo subito_ non portasse la BambinaGrande a scuola si tornerebbe a casa alle 19, e non alle 18.30
Full-time vuol dire che Trasparelena non va mai a prendere la BambinaGrande a scuola
Full-time vuol dire che Trasparelena in settimana non cucina, perchè qualsiasi preparazione che richieda più di 15 minuti è troppo onerosa*.
Full-time vuol dire che la BambinaGrande venerdì farà la sua prima lezione di ginnastica artistica. E la accompagneranno i Traspanonni _santi subito pure loro_

Trasparelena vorrebbe lavorare di meno, fare meno ore. Ma non glielo lasciano fare. 
L'unica alternativa al full-time sarebbe il no-time, ovvero il licenziamento. Ma chi ce l'ha il coraggio di licenziarsi in questo periodo qui, in cui avere un lavoro è un lusso. Trasparelena questo coraggio non ce l'ha.

Trasparelena, come già sicuramente detto qui, perchè questo è un tema ricorrente, fa buon viso a cattivo gioco e abbozza. E si frustra. Si frustra e abbozza. Abbozza e si frustra.
E la BambinaGrande si accontenta dei brandelli di tempo in disavanzo. Quando la mamma è stanca. E il papà pure. 

Poi le capita di leggere questo post qui
E le dispiace, perchè l'autrice la conosce. E le sta pure simpatica parecchio.
E però ci sta male lo stesso. E non ci dorme la notte. Che la frustrazione raggiunge livelli indicibili.
Talmente indicibili che non si riesce nemmeno a piangerci un po' su.
Trasparelena non ce l'ha con la sua amica-autrice-del-post. Epperò leggere "fiuu finalmente si smette di correre e ci si gode i bambini" fa un po' male. 
Soprattutto quando non si finisce di correre. Se non in vacanza. Ma la vacanza si sa che non è la vita vera.



* per uscire di casa alle 8 bisogna alzarsi alle 7. Per alzarsi alle 7 la BambinaGrande deve andare a nanna alle 21. Per andare a nanna alle 21 avendo digerito bisogna mangiare alle 19. Per cenare alle 19, tornando a casa alle 18.30, occorre accontentarsi di qualcosa che in 15 max 20 minuti sia pronto.

11 commenti:

  1. Ho fatto questa vita fino a pochi mesi fa, prima che avessi la mia seconda bambina. Mi ritrovavo ad apparecchiare la tavola per la cena, la mattina presto e gli affettati erano menù quotidiano. Ora va diversamente, ma non per scelta vera e propria ma più per crisi. E' preoccupante ma finalmente mi godo qualcosa. Difficile dare un consiglio ma se puoi, quando puoi, rallenta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sugli affettati ci sto lavorando. Anzi sull'abolizione degli. Per ora siamo bravi: solo bresaola una sera a settimana. Vediamo se resistiamo.

      Elimina
  2. Dai che la crisi non durerà in eterno e magari più in là... Tu pensa che stai dando il massimo ... e poi guarda il lato positivo... la tua bimba sta costruendo dei rapporti quotidiani con i suoi nonni... e non è da poco... credimi!!!
    Ti abbraccio forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, il rapporto che costruisce con i nonni glielo invidio.

      Elimina
  3. cara mia. non hai niente di cui scusarti e puoi sfogarti quanto vuoi. ognuno vede il suo, ma a sto giro ho visto pure un po' il tuo. e ho capito quanto può essere pesante il full time che senza figli era super ok, con i figli è tutta un'altra cosa. ho visto. è faticosissimo. per lo meno psicologicamente. fisicamente è tutta un'altra storia, che star fuori fino alle 7 comunque era più riposante. ma lo capisco eccome. ora un po' di più. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, fisicamente probabilmente il full-time stanca meno
      Grazie!

      Elimina
  4. Carissima Traspa,
    io faccio la freelance, mal pagata, di un noto quotidiano del Sud, che ora, a dispetto delle vendite che non sono malaccio, è anche in solidarietà.
    Ho molto tempo da passare e da dedicare a Cla e ho dovuto sacrificare molte cose del mio mestiere in nome di una più ampia organizzazione familiare, dato che , il socio è anch'egli occupato nella comunicazione e so tempi cupissimi.
    Proprio per far fronte a questa crisi dilagante ha raccolto una ghiotta opportunità romana e ha fatto valigia, regalandoci il w-end. E nemmeno tutti.
    Io pur avendo avuto un lavoro "VERO" avrei dovuto mettere da parte la mia crescita e tutto, in nome della famiglia. Ti capisco parola per parola, eppure non sono una full-time e probabilmente non lo sarò mai.
    La cosa che voglio però dirti con molta franchezza è che ti ammiro moltissimo. Così come ammiro moltissimo quelle come me..e le varie infinite sfumature di essere madri, donne, mogli,figlie, amiche, colleghe.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ari, il tuo commeno mi ha commosso. Io lo so che di base sono fortunata. Ho i nonni, peresempio. Certi giorni però è proprio dura.
      (come lo sarà per tutti, ovviamente)

      Elimina
  5. Convivo con la tua stessa frustrazione tutti i giorni e avere un lavoro da libera professionista a volte mi aiuta, consentendomi di ritagliarmi qualche ora e di andare a prendere il nano al nido personalmente, altre volte e' peggio, perché lavoro pure di sera dopo cena e gli altro sembrano aspettarsi che riesca a fare tutto da sola, "tanto non hai orari fissi".
    Che poi non è vero, le udienze e gli orari di cancelleria non li decido io, ne' quando ricevere i clienti, spesso.
    E dura, ma tu lo fai per la tua famiglia ed è questo che conta!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio anche a te, e benvenuta. E coraggio.

      Elimina

L'educazione è molto apprezzata