box google adsense orizzonatale

martedì 3 novembre 2009

Quando sei una madre lavoratrice full time


Sei frustrata. 

Sei frustrata perchè man mano che passa il tempo ti dici che andrà meglio, che sarà meno faticoso, che tuo figlio risentirà di meno della tua assenza, che tu risentirai di meno della sua, ma invece ti accorgi che sono ancora di più le cose a cui dovrai rinunciare, a cui lo costringerai a rinunciare.
La scorsa settimana sono andata alla riunione dell'asilo. Serviva una mamma che facesse la rappresentante di classe, che potesse incontrare le altre mamme per comunicare le decisioni, raccogliere i soldi, organizzare le feste. Insomma serviva una mamma che avesse del tempo libero.
Io non vado mai a prendere la BambinaGrande all'asilo, perchè a quell'ora sono in ufficio, quindi non se ne parla. 
Poi si parlava di portare i bambini in piscina. Io non posso portare la BambinaGrande in piscina, a meno di farlo al sabato, perchè la sera è già tanto se si riesce a cucinare, quando torniamo a casa la sera, e meno male che il Traspamarito si dà un sacco da fare e cucina mentre io le faccio il bagno, se no sarebbe ancora più un casino.
Quando sei mamma e lavoratrice full time devi imparare a delegare, devi delegare per le pulizie, per stirare, per la spesa. E spesse volte ti rendi conto che il tempo che passi con tuo figlio è quello in cui gli fai delle cose: lo lavi, lo vesti, lo svegli, lo addormenti, lo nutri. E io sono fortunata, il tempo che sto fuori è puro tempo che lavoro, non perdo tempo in viaggio, almeno. 
Però sono frustrata, perchè non posso a fare a meno di pensare alle cose che mi perdo, al tempo che nego alla mia BambinaGrande, ai suoi progressi che vedo con ritardo, perchè la maggior parte delle volte non sono con lei.
Sono frustrata perchè ho chiesto il part-time ma non me lo danno.
Sono frustrata perchè sono circondata da persone che non lavorano, che spesso non stanno nemmeno in azienda il tempo che dovrebbero, che magari arrivano la mattina alle 8 ma fino alle 9.30 non iniziano a lavorare, e se chiedi una cosa ti rispondono che devono leggere il giornale, o prendere il caffè. E poi alle 16.55 già se ne stanno andando. Oppure in 4 ore della mattina fanno 3 pause. 3 pause in 4 ore. Bella media!
Vorrei fare come loro, ma non riesco, perchè il tempo che non sto con la mia BambinaGrande già mi sembra tempo perso, se almeno lavoro con profitto mi sento meno in colpa, un filo meno frustrata. Quindi se arrivo alle 8 inizio a lavorare, anzi, spesso inizio già a pensarci in ascensore, mentre salgo, e alle 5 non riesco mai ad andarmene, perchè devo finire, perchè non è nel mio carattere lasciare le cose a metà. E se mi telefonano alle sei rispondo, perchè sono scema.
E allora mi arrabbio, perchè è l'unica cosa che posso fare. 
Oggi sono arrabbiata, perchè son qui dalle 7 e ho lasciato a casa la BambinaGrande che gridava. E mi sento in colpa, perchè sono qui gratis, e non è nemmeno garantito che me ne possa andare dopo le mie fantastiche nove ore canoniche, cioè alle 4.
Sono arrabbiata ma poi mi passa. Forse. O forse no, perchè il part-time non me lo danno, quindi non ci sono margini di miglioramento.

1 commento:

  1. ceithre il 03/11/09 alle 13:21 via WEB
    carissima mamma lavoratrice più che full time dico a te ciò che dico a mio marito... ma chi telo fa fare? Se non pagano straordinari non li fare. I figli crescono, spariscono quelle faccine paffutelle e tele ritrovi imbrufolate spigolose e annoiate della tua compagnia in meno di niente. suona la campana delle 17 e tu metti giù la penna - fai spallucce al capo e gli dici che devi andare gli fai notare che se ne sono già andati gli altri colleghi e tu hai la bimba a casa - ci sarai la mattina dopo per ulteriori informazioni. Il tempo non ve lo ridà nessuno e dare di più non significa avere di più, significa solo che ci si aspett di più - gratis.

    ele.sid il 03/11/09 alle 13:30 via WEB
    @cei, purtroppo non è così semplice. Io oggi l'ho detto a "chi tu sai" che questa è l'ultima volta che vengo prima e mi ha risposto che pure sua moglie (insegnante) quando andava in gita lasciava la bambina pure più giorni etc etc, e alla fine finisce che io esagero e basta. Il resto delle cose non le vedo solo io, è che va bene così, quindi mi devo adeguare.

    akari il 17/11/09 alle 21:44 via WEB
    Ciao sono arrivata qui leggendo i commenti al giveaway, anzi in bocca al lupo! Questo post mi ha toccata, perché ho vissuto una situazione simile alla tua, ora sono in part-time, ma sono fortunata perché il mio contratto me lo permette e prolungherò per altri 3 anni, poi non so si vedrà Non so se lo sai ma c'è una petizione per il part-time: http://www.petizionionline.it/petizione/per-il-part-time-alle-madri-lavoratrici/81 e continua a seguirci :D Akari@Md

    RispondiElimina

L'educazione è molto apprezzata