box google adsense orizzonatale

mercoledì 30 settembre 2009

Prime volte

La vita con i bimbi è un susseguirsi di prime volte.

La scorsa settimana abbiamo avuto la prima malattia seria della Bambina Grande: febbre sui 39° e nessun sintomo.

La Santapediatra è stata favolosa, mi faceva chiamare ogni mezza giornata per aggiornamenti e l'ha anche visitata. Alla fine è uscito un mal di gola cattivissimo ("mamma mi fa male la bocca in fondo") e dopo quattro giorni di febbrone abbiam dovuto cedere all'antibiotico.

La prima volta dell'antibiotico.

La prima volta anche della mamma a casa perchè la bambina era malata (che poi son stata male pure io ma questo è un altro discorso). La prima volta che ho avuto paura di non avere abbastanza giorni per stare con lei malata (ma invece no, per fortuna)

E' stata una esperienza formativa per molti aspetti, ci siamo fatte infinite coccoline sul divano e abbiamo anche fatto delle cose insieme nei momenti in cui la febbre scendeva (grazie alla Tachipirina) e ritornava ipercinetica. La più significativa è stata disegnare.

Per la prima volta (altra prima volta) la BambinaGrande si è seduta al tavolo di fianco a me, e mentre io ricamavo lei si è messa a colorare un disegno di Hello Kitty. Da sola, e anche abbastaza con criterio.

E lunedì abbiamo la prima volta all'asilo. 

E questa è doppia perchè è la prima volta per lei e anche per me, che alla sua età all'asilo non ci sono andata, ho iniziato direttamente a 6 anni con la prima elementare, che peraltro mi piaceva da matti. 

E doppia prima volta = doppia ansia. Più che altro io spero che non pianga. Perchè se quando vado via si mette a piangere io non lo so se sono capace di tirare dritto fino alla porta. Più facile che torno a prendermela e me la porto via con me (e per questo mi porto l'ottimo Traspamarito).

*nella foto il buon vecchio termometro a mercurio, ora surclassato da quelli digitali

1 commento:

  1. busybutlazy il 30/09/09 alle 19:33 via WEB
    che pianga i primi giorni di asilo (o i successivi) è normale, non ti preoccupare, e anche giusto, sai...significa che le dispiace separarsi da voi - sarebbe preoccupante il contrario, non trovi? - Comunque, solitamente, dopo un po' si calmano e si distraggono giocando con le maestre e con i compagni.... tu, anche se sarà difficile, cerca di non cedere....

    ceithre il 30/09/09 alle 21:21 via WEB
    in effetti la maestra di F1 e F2 diceva sempre alle mamme lacrimevoli "su! mandate i vostri mariti! Loro hanno sempre fretta di andare in uficio, non guardano i bimbi con occhi da cucciolo abbandonato che fa venir voglia di piangere anche a me, non controllano 20,000 volte che hanno tutto il necessario anche quando sanno che qualsiasi cosa manca ce l'abbiamo. Su mamme, fatevene una ragione e appoggiate i vostri figli nella loro crescita, non pensate a quanto sono ancora piccoli ma a quanto sono già grandi!" Tante mamme la guardavano con occhi feroci, ma a me è sembrato un consiglio saggio! AUGURI!!!

    RispondiElimina

L'educazione è molto apprezzata